Farmaci biologici per la terapia delle malattie reumatiche. 2018

Posted on

I farmaci biologici usati per l’artrite psoriasica sono farmaci abbastanza sicuri con scarsi effetti collaterali.

Nei pazienti che hanno avuto in passato una tubercolosi, questa può essere “risvegliata” dall’attività immunosoppressiva dei farmaci biologici. I farmaci biologici sono potenti immunosoppressori e attualmente vengono utilizzati nei pazienti che non hanno avuto beneficio dalle terapie con i farmaci precedentemente elencati. Lo switch terapeutico tra farmaci biologici rappresenta una strategia terapeutica da raccomandare nei pazienti con artrite psoriasica (PsA) che sperimentano un insuccesso terapeutico con un primo DMARDb. Quelli con forme non frequenti, meno distruttive della malattia o che si calmano dopo alcuni anni di attività possono essere gestiti con riposo e i farmaci anti-infiammatori. Gli Antireumatici modificanti la malattia (DMARD) sono farmaci che aiutano a rallentare o a bloccare la progressione dell’Artrite Reumatoide. I più nuovi e più efficaci trattamenti per l’artrite reumatoide sono di tipo biologico e consistono in proteine geneticamente modificate. I farmaci biologici sono solitamente utilizzati quando le altre medicine non sono riuscite a fermare l’infiammazione causata dall’artrite reumatoide. I farmaci biologici possono rallentare o addirittura bloccare la progressione dell’Artrite Reumatoide. Ovvero i farmaci biologici non sono indicati per ogni paziente psoriasico, ma devono essere presenti determinate condizioni di gravità di malattia e d’impossibilità ad attuare le terapie tradizionali.

Farmaci biologici per la terapia delle malattie reumatiche.

  • una siringa pre-riempita con Humira per l’iniezione;
  • un tampone imbevuto di alcol.

Ad oggi, in Italia, i medicinali biologici approvati sono etanercept, infliximab e adalimumab e ustekinumab, indicati sia per la psoriasi che per l’artrite psoriasica.

Nel caso dei farmaci biologici fino ad ora esistenti devono verificarsi tutti i punti sopradescritti perché il dermatologo possa prescrivere questa terapia al proprio paziente. Sono infatti in arrivo farmaci che potrebbero segnare l’inizio di un nuovo paradigma terapeutico contro una malattia che oggi interessa circa il 4% della popolazione italiana. “Nelle sperimentazioni cliniche questo farmaco ha mostrato risultati eccezionali, portando alla completa scomparsa della malattia in oltre il 50% dei casi” afferma Gianfranco Altomare. Questo significa che ci sono farmaci che agiscono solo sull’impegno articolare come la salazopirina ed altri che agiscono sia sulla psoriasi che sulle articolazioni (metotressato, ciclosporina, leflunamide). Un ultimo gruppo di farmaci, di recente introduzione,  sono i farmaci biologici; sono farmaci che agiscono efficacemente sia sull’impegno articolare periferico che su quello assiale. Esistono delle precise linee guida per l’utilizzo dei farmaci biologici nella artrite psoriasica. Il controllo della terapia  deve essere poi preciso, affidato a reumatologi di centri esperti nel trattamento con questi farmaci,  secondo scale di valutazione definite  per il  tipo di impegno. Il farmaco è un inibitore della PDE4 e rappresenta il primo trattamento orale per l’artrite psoriasica a ottenere la rimborsabilità negli ultimi 15 anni. All’orizzonte c’è dunque una nuova opportunità di cura per i pazienti psoriasici, rinfrancati dall’avvento dei farmaci biologici.

La reumatologia è una branca della medicina interna che si occupa della prevenzione, della diagnosi e della cura delle malattie reumatiche dell’adulto quali artriti, artrite reumatoide, artrosi, osteoporosi.

  • Faccia attenzione alla data di scadenza indicata sulla siringa. Non utilizzi il prodotto, se è scaduto.

L’opportunità di bloccare questa malattia è però dipendente dalla diagnosi precoce e dall’impostazione di una corretta terapia con farmaci anti-reumatici fin dalle prime fasi.

Un risultato importante dal momento che questi individui, affetti dalla patologia da più di 14 anni, mai avevano sperimentato un miglioramento nemmeno con i farmaci biologici di ultima generazione. Un altro dei grossi vantaggi è la modalità di somministrazione orale, molto più semplice rispetto alla somministrazione per via venosa o sottocutanea dei farmaci biologici attualmente impiegati. L’artrite psoriasica (AP) è una malattia infiammatoria cronica delle articolazioni che colpisce il 5-10% dei pazienti affetti da psoriasi cutanea. Nonostante l’artrite psoriasica possa essere considerata una complicazione della psoriasi cutanea, nel 5-10% dei pazienti la malattia della pelle può non essere presente (artrite psoriasica sine psoriasi). Artrite psoriasica dell’indice della mano sinistra: sono interessate tutte e tre le articolazioni del dito medio con tumefazione generalizzata ed aspetto a salsicciotto. E’ un farmaco che può essere assunto per bocca e consente un buon controllo della malattia, sia cutanea che articolare. Il metotrexate è un farmaco di seconda scelta nell’artrite psoriasica perché meno maneggevole dei precedenti e con maggior rischio di effetti collaterali. Il farmaco è indicato nell’artrite psoriasica dell’adulto, sia in compresse (2,5 mg) che in siringa preriempita per via intramuscolare. I farmaci biologici utilizzati per la cura della psoriasi sono anticorpi monoclonali (etanercept, infliximab, ustekinumab, etc) che agiscono direttamente contro alcune sostanze prodotte in eccesso dai pazienti con psoriasi.

Artrite psoriasica e farmaci biologici

  • Gravidez
  • Lactação
  • Insuficiência renal
  • Insuficiência hepática
  • Insuficiência Cardíaca
  • Hepatite B
  • Esclerose Múltipla
  • Tuberculose ativa
  • Pessoas que já tiveram câncer devem ser avaliadas criteriosamente
  • Fibrose Pulmonar

Recentemente negli USA è stato approvato un nuovo farmaco in compresse (Otezla®) efficace sia nella psoriasi grave sia nell’artrite psoriasica.

La terapia è consigliata dal medico in base alla storia clinica del paziente, alla severità del coinvolgimento articolare e alla tollerabilità ai diversi tipi di farmaci. I farmaci biotecnologici approvati per il trattamento dell’artrite psoriasica sono: infliximab (Remicade), l’adalimumab (Humira), etanercept (Enbrel), golimumab (Simponi), certolizumab (Cimzia). I farmaci biologici finora prodotti sono anticorpi monoclonali, citochine (interferoni e interleuchine), proteine di fusione e fattori di crescita tissutali. Il farmaco viene indicato per la psoriasi, artrite psoriasica. L’etanercept, registrato all’EMEA (Agenzia Europea per il Farmaco), è un farmaco indicato per la psoriasi, l’artrite psoriasica. Il farmaco viene indicato nell’artrite psoriasica ed ora anche nella psoriasi. Leggo ora su questo sito la notizia del ritiro del farmaco BIOLOGICO dal commercio dopo che è risultato più dannoso che benefico. Sono passato al farmaco biologico HUMIRA + MTX 10 mg iniettabile.Risultato:VES a 4GPT 49.E non ho più male ai piedi! mi unisco anch’io all’appello per la cura della artrite psoriasica che mi ha resa invalida da un anno avendomi colpito il ginocchio destro…sono disperata.

Farmaci biologici e anticorpi monoclonali nella terapia dell’artrite psoriasica

L’approvazione di questo farmaco rappresenta una nuova opportunità di cura per i pazienti ma, in senso generale, anche una nuova ed interessante opzione terapeutica in reumatologia».

Ustekinumab, già approvato per la psoriasi, è dunque il primo di una nuova classe di farmaci biologici ora disponibile per i pazienti con artrite psoriasica attiva. Ecco perché la diagnosi tempestiva dei primi segnali di artrite psoriasica può aiutare a prevenire o limitare il danno articolare che compare negli stadi avanzati della malattia - continua Olivieri -. A oggi sono stati trattati con farmaci biologici migliaia di pazienti nei quali è stata dimostrata sicurezza di impiego, almeno nel breve e medio termine. L’effetto indesiderato più frequente dei farmaci biologici che agiscono sull’infiammazione è la comparsa di infezioni dovuta alla riduzione delle risposte immunitarie indotta dai farmaci biologici. Sono ormai diversi i nuovi farmaci biologici a disposizione per curare i casi più gravi di psoriasi e artrite psoriasica, alcuni ancora in sperimentazione, altri già approvati.